Arweb - Realtà aumentata per il marketing
Realtà aumentata e realtà virtuale
Kevin Molinari
Kevin Molinari

Qual è la differenza tra Realtà Aumentata e Virtuale?

Negli ultimi anni, si è parlato molto della differenza tra realtà aumentata e virtuale, ma quanto realmente conosciamo di queste tecnologie e delle potenzialità che possono offrire?

Frequentemente, ci troviamo a parlare di realtà aumentata e realtà virtuale, ma quante volte ci fermiamo veramente a ponderare sull’ampiezza delle loro applicazioni, sulle sfumature che le distinguono e sulle infinite possibilità che possono portare nel mondo digitale e non solo?

La tendenza a confondere o sovrapporre i concetti di realtà aumentata e realtà virtuale è particolarmente diffusa in paesi come l’Italia, dove l’adozione e l’assimilazione di nuove tecnologie procedono con un ritmo differente rispetto ad altre nazioni.

Sebbene entrambe le tecnologie abbiano la capacità di offrire esperienze avvolgenti e sorprendenti, proponendo mondi che fondono la realtà fisica con elementi digitali, è fondamentale riconoscere le distinzioni tra le due.

Questo è il punto di partenza per un approfondimento che svela le vere caratteristiche e le potenzialità di ciascuna.

Con la lettura di questo articolo, ti guideremo in un percorso di scoperta e comprensione, delineando con chiarezza le principali differenze e peculiarità tra realtà aumentata e realtà virtuale, permettendoti di afferrare in modo completo le caratteristiche di queste rivoluzionarie tecnologie.

Differenza tra Realtà Aumentata e virtuale

Per un numero significativo di persone, realtà aumentata e realtà virtuale sembrano essere la stessa cosa.

Eppure, quando ci si addentra nei dettagli e si esplorano a fondo le caratteristiche di ciascuna, emerge un quadro molto più articolato, e le distinzioni tra le due diventano evidenti e inconfondibili.

La realtà aumentata rappresenta una fusione unica tra il nostro mondo concreto e palpabile e l’universo digitale.

Questa tecnologia arricchisce la nostra percezione dell’ambiente circostante, integrando informazioni, grafiche e dettagli direttamente nel campo visivo dell’utente.

In sostanza, la realtà aumentata, spesso abbreviata come AR, introduce elementi digitali nella nostra realtà quotidiana, creando un’interazione sinergica che sposta i limiti di ciò che percepiamo come reale.

Questa sorprendente fusione tra fisico e virtuale prende vita attraverso una gamma di dispositivi tecnologici, tra cui smartphone, tablet e visori avanzati.

Grazie all’integrazione dell’intelligenza artificiale, questi dispositivi consentono agli utenti di interagire, manipolare e vivere gli elementi digitali all’interno della realtà circostante.

Come funziona la realtà aumentata
Un tablet che mostra informazioni in realtà aumentata

In contrasto, la realtà virtuale ci offre un passaporto per un mondo radicalmente nuovo, un ambiente esclusivamente digitale e attentamente progettato.

Questo mondo completamente virtuale, scolpito con precisione mediante tecnologie hardware e software all’avanguardia, presenta uno spazio in cui gli utenti possono avventurarsi, scoprire e immergersi totalmente.

La realtà virtuale (VR) non è una mera riproduzione del nostro ambiente familiare, ma un ambiente tridimensionale che ha la capacità di stimolare sensazioni e emozioni completamente nuove, avvolgendo completamente la mente e i sensi dell’utente.

Realtà aumentata e realtà virtuale
Una persona che indossa un visore adatto per la realtà virtuale

In sintesi, mentre la realtà aumentata introduce e integra il mondo digitale nel nostro ambiente quotidiano, la realtà virtuale ci catapultа in un’esperienza totalmente nuova e distinta.

Proseguiamo ora con gli approfondimenti di queste entusiasmanti tecnologie, immergendoci nelle loro molteplici sfaccettature.

A cosa possono servire la realtà aumentata e realtà virtuale?

L’ascesa senza precedenti della tecnologia ha gettato le fondamenta per un’epoca sorprendente, in cui ci troviamo in grado di navigare ed esplorare un vasto mare di informazioni in modi che prima erano inimmaginabili.

Ogni singolo giorno, ci immergiamo in un’esperienza in cui ogni aspetto della nostra esistenza, sia esso legato alla sfera personale o professionale, è impregnato di una miriade di dati e informazioni digitali.

In questo contesto di evoluzione incessante e innovazione, emerge la necessità di sviluppare interazioni sempre più fluide tra l’essere umano e la tecnologia, che rispecchino e rispettino le nostre innalzate tendenze e propensioni naturali.

È innegabile: come esseri umani, siamo intrinsecamente progettati per interagire e muoverci in spazi tridimensionali.

Questa esperienza innata contrasta fortemente con l’approccio piatto e bidimensionale che caratterizza la maggior parte delle interfacce digitali a cui siamo abituati.

Ecco che, in questo scenario, emergono con forza le figure della realtà aumentata e realtà virtuale.

Queste affascinanti innovazioni non solo replicano la nostra esperienza tridimensionale naturale, ma la esaltano e la amplificano, portando alla luce nuove dimensioni delle nostre capacità.

I nostri sensi rappresentano la nostra finestra principale sul mondo esterno.

Attraverso di essi, siamo immersi in un’incessante cascata di stimoli e informazioni, che vengono continuamente elaborati e interpretati dal nostro cervello.

Ma, mentre ci destreggiamo tra molteplici compiti e sfide, le risorse cognitive possono essere sollecitate, aumentando il carico mentale.

La vista, forse il senso su cui maggiormente facciamo affidamento, è straordinariamente efficiente nel processare velocemente grandi quantità di dati.

Di conseguenza, quando osserviamo il nostro ambiente circostante, siamo capaci di filtrare e comprendere un’enorme mole di informazioni in modo pressoché istantaneo.

Questa è la grande potenzialità della realtà aumentata e realtà virtuale: integrando il digitale in ambienti tridimensionali, queste tecnologie facilitano la nostra elaborazione, rendendo ogni interazione più intuitiva e profondamente coinvolgente.

La scienza poi non si ferma mai, e gli studi più recenti stanno evidenziando potenzialità sorprendenti.

Ad esempio, si sta scoprendo come la realtà virtuale possa diventare un potente strumento nel campo della riabilitazione.

Che si tratti di terapie per la mobilità o di supporti per la capacità cognitive, la realtà virtuale sta mostrando notevoli benefici in ambiti come il trattamento dell’autismo, offrendo strade innovative di speranza e guarigione.

Insomma, la realtà aumentata e realtà virtuale trovano un sacco di applicazioni utili che non faranno altro che aumentare rapidamente nel prossimo futuro.

Differenza tra realtà aumentata e virtuale
Immagine che mostra le differenza tra realtà aumentata e virtuale

Il futuro di realtà aumentata e realtà virtuale

L’industria della realtà aumentata e realtà virtuale è in un punto di svolta, con previsioni che suggeriscono un’espansione significativa nel prossimo futuro.

Rispetto ai dati forniti da Statista, si stima che il comparto delle realtà aumentata e realtà virtuale vedrà un fatturato complessivo di 31.12 miliardi di dollari entro la conclusione del 2023.

Oltre a ciò, si prospetta un ritmo di crescita annuale del 13.72% che durerà almeno fino al 2027, puntando a un fatturato stimato di circa 52.05 miliardi di dollari in quell’anno.

Inoltre, il mercato della realtà aumentata e realtà virtuale, conterà un numero di utenti che arriverà fino a circa 3 miliardi di utenti attivi entro il 2027.

E, naturalmente, il panorama sarebbe incompleto senza citare colossi tecnologici come Apple, Google e Facebook, che stanno continuamente portando innovazioni e sviluppando prodotti rivoluzionari.

Un esempio recente di questo impegno è rappresentato dal lancio di Vision Pro da parte di Apple, che testimonia il crescente interesse dell’azienda per queste soluzioni immersive. In effetti, come ha sottolineato Tim Cook:

“There’s virtual reality and there’s augmented reality — both of these are incredibly interesting. But my own view is that augmented reality is the larger of the two, probably by far.

[AR] gives the capability for both of us to sit and be very present, talking to each other, but also have other things — visually — for both of us to see. Maybe it’s something we’re talking about, maybe it’s someone else here who’s not here present but who can be made to appear to be present.

There’s a lot of really cool things there.”
Realtà aumentata e realtà virtuale
Una foto di Vision Pro di Apple. Image Source: Apple

Quindi, mentre la realtà virtuale ha dominato l’attenzione fino ad ora, i prossimi anni molto probabilmente sarà la realtà aumentata ad ottenere una maggior risonanza nella vita di tutti i giorni.

Questo a causa di una domanda in aumento in settori chiave come il turismo, il retail e la sanità.

Sì, la realtà virtuale ha conquistato il cuore degli appassionati di giochi, ma entrambe le tecnologie hanno potenziale inestimabile nel trasformare settori come le smart city, il turismo e la formazione professionale.

Ma cosa ne pensano le aziende?

Bene, i segnali sono positivi.

Secondo Snap, 4 aziende su 5 che utilizzano la realtà aumentata indicano che essa è in grado di aumentare l’engagement, aumentare le vendite ed acquisire nuovi clienti.

E tra la realtà aumentata e realtà virtuale, l’AR sembra essere la favorita da parte delle aziende, grazie alla sua innata capacità di sovrapporsi e interagire con il mondo reale.

E anche se la domanda di soluzioni software è ancora alle prime fasi, il potenziale di crescita è palpabile.

In conclusione, sia la realtà aumentata e realtà virtuale non sono solo tendenze tecnologiche passeggere.

Hanno il potere di trasformare il modo in cui le aziende operano e interagiscono con il mondo.

Ma per sfruttare appieno le opportunità della realtà aumentata e realtà virtuale, le aziende dovrebbero investire in team specializzati, pronti a guidare l’innovazione e la trasformazione.

La corsa è iniziata, e il futuro appartiene a chi si adegua più rapidamente con un’integrazione della realtà aumentata e realtà virtuale che sia adatta per risolvere problemi o esigenze specifiche.

Esempi di utilizzo di realtà aumentata e realtà virtuale

La realtà aumentata (AR) ha il potere unico di fondere il mondo digitale con il nostro ambiente reale, e lo fa brillantemente attraverso dispositivi mobili e dispositivi indossabili.

Nelle prime fasi della sua esistenza, l’AR ha trovato una casa nell’industria dell’intrattenimento, che ha abilmente giocato con la sua capacità di meravigliare e incantare gli spettatori.

Un esempio saliente di ciò è LEGO, che ha completamente trasformato l’esperienza di acquisto con il suo approccio “smart packaging”.

Con la realtà aumentata, un pacchetto standard LEGO si trasforma in una finestra animata, dando vita alle avventure e ai personaggi al suo interno.

Ma non solo il settore dei giocattoli ha visto il potenziale dell’AR.

L’industria automobilistica ha adottato questa tecnologia sia per rendere più dinamiche le presentazioni dei nuovi modelli di auto, sia per offrire supporto tecnico da remoto.

Un esempio è Toyota, che ha lanciato un’esperienza AR per presentare la sua nuova Toyota Crown.

Gli utenti possono personalizzare, esplorare e testare virtualmente il nuovo modello tramite un’esperienza WebAR (Realtà aumentata sul web che non necessita di applicazione).

Infatti, l’acquisto di un’auto è una decisione importante che dipende in gran parte dalle interazioni di vendita di persona.

Per le case automobilistiche, la realtà aumentata (AR) può fungere da ponte digitale consentendo ai consumatori di scoprire di più sul prodotto e sul suo aspetto.

Oltre al settore automobilistico, la realtà aumentata trova numerose applicazioni in ambito marketing.

Tra i casi di successo nell’utilizzo di questa tecnologia, spiccano Bloomingdale’s e Saatchi Art.

Bloomingdale, l’azienda rivenditrice di vestiti, ha implementato con successo l’AR in occasione del suo 150° anniversario, ottenendo un aumento del 22% nel tasso di conversione e del 38% nel tasso di coinvolgimento.

Qual è la differenza tra Realtà Aumentata e Virtuale? – Arweb.it
L’esperienza di realtà aumentata che consente di visualizzare modelle che sotto forma di ologrammi virtuali sfilano direttamente da un catalogo. Source: Rose Digital & Bloomingdale

Saatchi Art, invece, ha utilizzato l’AR per permettere ai clienti di visualizzare opere d’arte nelle loro case, registrando un aumento medio della spesa del 17%. Mica male eh?

Source: Saatchi Art

Oltre a migliorare l’esperienza del cliente, l’AR offre anche opportunità per la personalizzazione dei prodotti, l’ottimizzazione degli spazi di magazzino e la fornitura di informazioni dettagliate sui prodotti.

La tecnologia è ancora in fase di sviluppo, e i retailer che inizieranno ad integrare questa tecnologia nelle loro strategie di marketing otterranno vantaggi competitivi significativi.

Nel contesto industriale poi, l’AR emerge come uno strumento cruciale. Fornisce controlli più dettagliati, sicuri e informativi, che sono indispensabili quando si tratta di gestire e mantenere infrastrutture di grande portata.

L’introduzione dell’AR nell’industria 4.0 rappresenta una nuova era di efficienza e pianificazione.

Immaginate la possibilità per le aziende di “visualizzare” un prodotto prima che esso sia effettivamente prodotto. Ciò consente un affinamento del design, previsioni più accurate e una riduzione significativa dei costi di sviluppo.

Anche il settore turistico e il crescente campo delle smart city stanno anche sfruttando l’AR per migliorare l’esperienza dell’utente.

La realtà virtuale, invece ha guadagnato una reputazione principalmente nel mondo del gaming, offrendo esperienze di gioco immersive come mai prima d’ora, ma il suo potenziale va ben oltre.

La formazione professionale, l’educazione e la medicina sono solo alcune delle aree in cui la VR sta ottenendo adozioni significative.

Ad esempio, i chirurghi possono ora allenarsi in ambienti simulati prima di eseguire procedure reali, mentre le aziende utilizzano la VR per addestrare i lavoratori in scenari che sarebbero troppo pericolosi o costosi da replicare nella realtà.

In conclusione, la realtà aumentata e realtà virtuale rappresentano due facce della stessa medaglia tecnologica.

Nonostante abbiano caratteristiche diverse, entrambe hanno il potere di trasformare il modo in cui interagiamo con il mondo, sia che si tratti di aggiungere un nuovo strato di informazioni alla nostra realtà quotidiana, sia di trasportarci in nuovi mondi completamente digitali.

Se sei un marketer o un imprenditore, e vuoi iniziare ad abbracciare le potenzialità di queste nuove tecnologie per ottenere risultati straordinari in termini di marketing, contattaci per una consulenza gratuita.

Se invece ti appassiona il mondo della realtà aumentata e vuoi seguire mensilmente news, contenuti e curiosità sulle tecnologie immersive, puoi iscriverti alla nostra newsletter dedicata per ricevere mensilmente contenuti esclusivi.

Potrebbe anche interessarti

Se l'articolo ti è piaciuto condividilo sui social!

Hai un progetto in mente da realizzare?

Contattaci e faremo una prima consulenza completamente gratuita

amministrazione@arweb.it

+39 02 21117926